Il Mostro

Il Mostro è un disegno diviso in due di cui sono parzialmente soddisfatta. Nel senso che uno dei due disegni mi piace di più dell’altro e non di poco. Probabilmente è un tema su cui tornerò perchè sono ossessionata (si può usare una parola così forte per descrivere una fissazione artistica?) da una coppia di racconti che ho letto quando ero molto giovane. Il libro che contiene i racconti, attualmente non facilmente reperibile on line, si chiama ‘La grande Eulalia’ ed è stato scritto negli anni ’90 da Paola Capriolo. Tra l’altro ho prestato la mia copia circa 10 anni fa ad un amico che non me l’ha restituita, quindi i miei disegni sono nati da ricordi piuttosto lontani nel tempo. In ogni caso i racconti di cui parla Il Mostro si chiamano ‘Il Gigante’ e ‘Lettere a Luisa’.
Se ne volete sapere di più qui c’è un link utile.

I miei ricordi erano lì ma sono stati attivati in qualche modo, come in una reazione chimica, da un brano musicale che ho ascoltato per la prima volta circa 4 anni fa. Per disegnare evidentemente non mi bastavano le immagini che aveva creato la mia mente leggendo i racconti, c’era bisogno di un impulso emotivo diverso.

La musica è ciò che mi ha fatto disegnare (che mi fa disegnare) e non mi sembra strano perchè nei 2 racconti in questione l’ho sempre individuata come protagonista, unico mezzo di comunicazione fra il Gigante e Adele/Luisa. Molti dei miei disegni sono stati ispirati da brani musicali proprio perchè la musica che amo crea dentro di me uno stato di caos e di emozione tale che le immagini si producono da sole senza che io debba cercarle, come se fossero sempre esistite.

Il brano meraviglioso da cui sono nati questi disegni è questo, un dialogo struggente fra pianoforte e violino.

L'autore

Non vuole farti sapere nulla di sè :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *